Questo sito utilizza cookie tecnici per il tracciamento anonimo degli accessi. Utilizzando i servizi di questo sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni
Torna alla ricerca

Fonte: ICCD - Progetto PACI / ICCD
Categorie
Saperi tecniche

Pesca delle anguille con nasse

Due vecchi pescatori seduti sulla riva del fiume Sile preparano le nasse per la pesca delle anguille chiudendo la parte a imbuto delle stesse con foglie di canna di bambù. Successivamente saliti su una modesta barchetta le calano nel fondo del fiume aiutandosi con un bastone a forca. In fase finale salpano le nasse e recuperano il pescato in riva. Oggi, per il basso rendimento e per l’incredibile sforzo di cui ha bisogno, la pesca con le nasse sta scomparendo in tutto il territorio nazionale. Le nasse una volta costruite in giunco e adesso in metallo e plastica, sono delle vere e proprie trappole per pesci, crostacei e molluschi. La costruzione delle nasse necessita di una particolare manualità che soltanto mani esperte riescono ad avere. Una tradizione che si tramandava da padre in figlio, ma che oggi, purtroppo, non ha più seguito. La nassa non è nient’altro che una “trappola” costruita a forma di campana, nella cui parte basale vi è un imbuto, con un piccolo foro che permette alla preda di entrare e di rimanervi intrappolata. Ovviamente, per invogliare il pesce o i crostacei a entrarvi, vengono inserite delle esche molto odorose che attirano la preda all’interno dopo aver aguzzato l’ingegno e aver trovato l’entrata. Ma così come è difficile l’entrata all’interno della nassa, lo è ancora di più l’uscita, proprio a causa della conformazione a imbuto della trappola. Per una parte dei nostri anziani il fiume, il fosso e il canale, hanno rappresentato una risorsa che, seppure di scarso valore su scala generale, si rivelava, pur tuttavia, fondamentale a livello di economia familiare sia ai fini del sostentamento (il pescato, ha rappresentato una fonte proteica fondamentale per la sopravvivenza degli umili) che come integratore del reddito.