Questo sito utilizza cookie tecnici per il tracciamento anonimo degli accessi. Utilizzando i servizi di questo sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni
Torna alla ricerca

Fonte: Granai della Memoria / UniSG
Categorie
intervista
Archivio:
Viaggi didattici
Autori:
Antonio Stasio, Antonio Stasio, Filippo Maria De Vito, Stefano Grippiolo, Francesca Risso, Roberta Picco
Gino” Vallone

Luigi Vallone

Luigi “don Gino” Vallone è un viticoltore storico del Salento. Don Gino è considerato la testimonianza più autorevole dei radicali cambiamenti attraversati dal settore del vino in Puglia negli ultimi cinquant’anni. Le vicende della sua azienda sono legate a doppio filo con le principali trasformazioni avvenute nel mondo contadino del meridione d’Italia. Fenomeni come l’esodo dalle campagne, la fine del latifondo e l’imporsi dell’innovazione tecnologica sono raccontate lucidamente da don Gino con l’autorevolezza di chi certe storie le ha vissute ma anche tentato di comprenderle. Egli si rivela essere esperto conoscitore della coltivazione del negramaro e della tradizione salentina di vinificarlo in rosato. Ne esce il ritratto di un personaggio perfettamente a suo agio nella contemporaneità e, al contempo, fiero e memore del suo passato.

Galatina (LE), IT Regionpuglia
Geolocalizzazione: