Questo sito utilizza cookie tecnici per il tracciamento anonimo degli accessi. Utilizzando i servizi di questo sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni
Torna alla ricerca

Fonte: ICPI / MiBACT
Categorie
Agricoltura
Media

Autore Riccardo Lodovici. Raccolta dell'olivo. 1979

Contadini durante la raccolta delle olive.

In genere la raccolta delle olive si attua quando la buccia delle olive ha raggiunto tutta la sua pigmentazione tipica senza interessare la polpa.

Il periodo della raccolta varia a seconda della latitudine.
Nell’Italia settentrionale si esegue da settembre a novembre, nell’Italia centrale va da fine ottobre a dicembre e in annate particolarmente favorevoli si prolunga sino a  gennaio, nell’Italia meridionale si arriva sino a febbraio marzo.

La raccolta delle olive veniva eseguita a mano (brucatura), con l’ausilio di pettini, oppure con la bacchiatura. Oggi anche con l’ausilio di particolari macchine che “scrollano” l’ulivo e ne fanno cadere il frutto.

Il primo metodo per la raccolta è la brucatura a mano.
Con questo sistema le olive vengono raccolte dall’albero con le mani.
Si può aspettare per raccogliere le olive che queste caschino spontaneamente dalla pianta.
Dopo essere cadute a terra si raccolgono in appositi teli sistemati sotto l’ulivo.
Un altro sistema per la raccolta delle olive è la bacchiatura.
Consiste nel battere i rami delle piante con delle lunghe pertiche e fare così in modo di far cadere le olive.
Un altro metodo, è la pettinatura delle piante.
Consiste nel passare fra i rami un grosso  pettine di legno che stacca le olive le quali vengono raccolte in un telo che viene posizionato sotto l’ulivo oppure si radunano  in una fitta rete che viene messa sotto ciascuna pianta e che assomiglia ad un ombrello capovolto.

Castiglion Fiorentino (AR), Italia Regiontoscana
Geolocalizzazione: