Questo sito utilizza cookie tecnici per il tracciamento anonimo degli accessi. Utilizzando i servizi di questo sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni
Torna alla ricerca

Fonte: Atlante delle Feste Popolari del Piemonte / Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo – UniSG
Categorie
Feste popolari

Cantar maggio

Il 1° maggio gruppi formati da tre ragazze di 12-14 anni, vestite con un abito estivo da festa, andavano in giro per il paese: “una portava l’alberello coi nastri di carta colorata e una bambolina in cima, l’altra il canestro con le uova, la borsetta per i soldi e cantavano” (Benaduce, De Benedetti, Morteo, 1981, p. 86). Il canto, con versi in dialetto e alcune parole in italiano, iniziava così:

“Entrando in questa casa

che c’è la brava gente

je rivaje maggio

che s’an’ancursio nen

Bien vene magg

bin staga magg

Torneremo al meis di magg

Patron-a, padron-a del castel

Vardé la nostra sposa

com’a l’è bin dobà

smia ‘l pi bel persi

quand ch’a desbotonà

Bien vene magg

bin staga magg

Torneremo al meis di maggio

Vardé n’si l’arborin

a j’è ‘n bel bambin

con le manin-e bianche

ch’aspeta dij quatrin

Bien vene magg

bin staga magg

Tornerem al meis di magg

Padron-a, padron-a sa veul regalé

ch’à guarda ‘nt la stala

Pregoma Dio e la Madona

ch’au manten-a an sanità

Bien vene magg……..” (Benaduce, De Benedetti, Morteo, 1981, p. 86).

SINIO (CN), Italia Regionpiemonte
Geolocalizzazione: